Navigazione veloce

Sezione PRIMA

Piano Triennale dell’Offerta Formativa  IC  Leno

SEZIONE  PRIMA: organizzazione della scuola

 

LE SCUOLE DELL’ISTITUTO E  LA POPOLAZIONE  SCOLASTICA

 

Le scuole dell’Istituto Comprensivo di Leno sono dislocate in più plessi: Leno capoluogo, Porzano e Castelletto.

 

 

 

 

   

Le reti interne ed  esterne

Reti interne ed esterne alla scuola IC Leno 2017

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I servizi  di  supporto  alla  scuola

L’Amministrazione comunale, in collaborazione con la scuola, assicura i seguenti servizi scolastici:

  • Trasporto alunni, con l’utilizzo degli scuolabus comunali;
  • Servizio Mensa, in tutti i plessi della scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado- classi a tempo prolungato. La scuola assicura, attraverso il proprio personale docente, la funzione formativa dei momenti del pasto e del successivo momento ricreativo, organizzato negli atrii o nei cortili;
  • Servizio Pre-scuola, in tutti i plessi, per l’accoglienza degli alunni che arrivano con lo scuolabus e per le famiglie che fanno richiesta di ingresso anticipato.

L’accoglienza è a cura:

  • alla scuola dell’infanzia, del personale del Comune;
  • in tutti i plessi della scuola Primaria, del personale designato dal Comune e/o dai collaboratori scolastici che hanno dato la loro disponibilità al servizio.
  • Servizio Post-scuola, nel plesso di Porzano funziona sia per l’assistenza degli alunni della Scuola Primaria che attendono lo scuolabus per il rientro a Leno, sia per gli alunni della Scuola dell’Infanzia che hanno fratelli/ sorelle frequentanti la scuola Primaria. La vigilanza degli alunni è esercitata da personale designato dal Comune, per gli alunni della scuola primaria, da una insegnante della scuola dell’infanzia, a turnazione, per i bambini dai tre ai sei anni di cui sopra. Nel plesso di Leno – sc. Infanzia- la vigilanza degli alunni è esercitata da personale designato dal Comune.

Per usufruire dei  servizi sopra indicati, la relativa richiesta va prodotta secondo le modalità indicate dal Comune, gestore del servizio, e va segnalata all’atto dell’iscrizione alla scuola.

I servizi sono a pagamento; le rette sono determinate dall’Amministrazione comunale in proporzione a fasce di reddito.

Il servizio trasporto è gratuito per le famiglie i cui figli, pur abitando a Leno, frequentano la scuola Primaria di Porzano.

L’iscrizione al servizio mensa deve essere fatta entro il termine indicato dall’Ente comunale. Iscrizioni in corso d’anno o per brevi periodi verranno valutate caso per caso e tenuto conto della disponibilità dei posti.

E’ prevista una Commissione mensa comunale per il controllo di gestione del servizio, a cui la scuola aderisce con propri rappresentanti.

 

I fattori di qualità

La scuola ritiene essere aspetti caratterizzanti la qualità del servizio:

  • Il lavoro collegiale degli insegnanti e la realizzazione dell’unitarietà dell’intervento educativo
  • La trasversalità culturale per l’integrazione dei diversi saperi
  • L’orientamento agli utenti (alunni, famiglie e territorio)
  • La personalizzazione dei percorsi, ove necessario
  • L’attenzione alle dimensioni affettive e relazionali
  • La valorizzazione delle persone e delle altre culture
  • La formazione degli insegnanti finalizzata alla crescita della cultura organizzativa dell’Istituto
  • La condivisione di processi e di strumenti di valutazione
  • Il raccordo tra i diversi ordini di scuola
  • La realizzazione di progetti che qualificano e ampliano l’offerta formativa della scuola
  • La trasparenza delle procedure messe in atto dalla scuola
  • La definizione del Rapporto di AutoValutazione per il miglioramento continuo dell’organizzazione

 

 

 

La  documentazione dell’attività  dell’Istituto  Comprensivo

L’Istituto Comprensivo di Leno si propone di utilizzare dei criteri per organizzare la documentazione prodotta e dare ordine ai documenti che alimentano gli archivi delle memorie.

Criteri individuati:

  • documentare per comprendere

Esso è riferito a: registri, programmazioni degli insegnanti, piani di lavoro individualizzati, griglie di osservazione, valutazioni, resoconti e relazioni, analisi statistiche, validi soprattutto per l’interno (i bisogni dei singoli docenti e quelli dell’organizzazione scolastica);

  • documentare per diffondere e trasferire

Esso è riferito a: progetti, ricerche, iniziative di innovazione che la scuola si propone di diffondere e di esportare, non tanto in relazione al prodotto realizzato con gli alunni, quanto in relazione al  processo educativo attivato. ll criterio è valido soprattutto per aprirsi e confrontarsi con il mondo esterno (altre scuole, la Biblioteca Pedagogica Nazionale, i centri di documentazione europea, Internet). In questa dimensione la scelta dei protocolli di documentazione, così come la scelta del linguaggio e degli strumenti fa riferimento all’idea di condivisione, a forme di concettualizzazione e di rappresentazione delle informazioni quali mappe e descrittori.

  • Valore aggiunto: un sistema di documentazione che utilizza l’ambiente telematico e condivide standard documentali rigorosi in reti istituzionali e culturali.

Per apprendere come documentare, la scuola ha partecipato a diversi progetti.

 

 

Accordi  di rete

L’Istituto Comprensivo di Leno promuove, aderisce e sottoscrive accordi di rete tra diverse scuole per la realizzazione di iniziative finalizzate a migliorare il funzionamento degli istituti scolastici e ad ottimizzare le risorse.

Rete
Scuola capofila
 Oggetto dell’accordo
 Ambito 10 Bassa Bresciana  IS Capirola  Attività amministrativa Progetti in rete: orientamento, dispersione, formazione
Scuole Ambito 10 Bassa Bresciana  CTI Manerbio  Inclusione, Intercultura
 Senza Zaino per una scuola comunità  IC Mariti Fauglia, Pisa  Sperimentazione educativa e  didattica
Formazione

 

 

 

I regolamenti dell’Istituto Comprensivo di Leno

 

 

Torna  all’area  PTOF